domenica 11 agosto 2013

I SETTE SACRAMENTI - ALCUNE BREVI CONSIDERAZIONI

Le seguenti sono personali riflessioni sul tema.

I sette sacramenti rappresentano tappe della vita spitiruale ed anche 'metodi' per tracciare un certo tipo di percorso; che poi si intraprenda o meno questo cammino è altro tema, che ci si fermi solo alla formalità del rito etc etc


Il culto cattolico è cristocentrico, Dio è adorato principalmente nella forma del Figlio, di Cristo, come mezzo per giungere al Padre per mezzo dello Spirito Santo. Non voglio inoltrarmi oltre nel tema teologico, anche perchè non accetto del tutto l'interpretazione cattolica, o meglio la considero tanto quanto ogni altra fede e religione.

Battesimo

Rappresenta la nascita, l'inizio del cammino. Accettazione del gruppo/comunità, che si occuperà di aiutare nella crescista, anche se solo la grazia di Dio libera da ogni peccato e colpa. L'inizia un cammino lava dal grande peccato, dal senso di separazione da Dio ed indica la meta, dando dei mezzi.

Confessione

Aiuta a creare, dovrebbe almeno, una coscienza interiore, o meglio aiuta ad ascoltare, a comprendersi, capirsi, sentire la voce di dio dentro e fuori di noi. Il sacerdote dovrebbe essere la guida, maestro, il guru che aiuta nel cammino. Compito pesantissimo e a 360 gradi, anche perchè non tutti i pellegrini nel santuario di Dio sono animati dalle stesse aspirazioni. Fondamentale è l'accettazione sia del peccato, che della penitenza che del perdono. È accettare appieno il karma.

Comunione

Essere parte della comunità. Comprendere che senza condivisione non si è nulla, che la strada è sempre amore, condivisione, ma fatta con amore. Ripeto volutamente questi termini. Tutto è Dio e proprio di Dio ci si nutre per essere uno con lui. Si è comunità, non esiste null'altro che la totalità del tutto.

Cresima

È la presa attiva della propria scelta ed il lottare per i propri ideali, con onore, fedeltà, costanza, fede.

Matrimonio

Il mettere in atto l'amore creando una famiglia.

Voti/Consacrazione

Il mettere in atto l'amore dedicandosi alla comunità e moversi per mantere le tradizioni ed il gruppo.

Estrema unzione

Accettazione della malattia, del dolore e della sofferenza; stare vicino a chi soffre davvero ed è prossimo alla morte del corpo. Aiutare nel passaggio. Tema stesso della morte, che no deve spaventare essendo vinta dalla fede.

Ovviamente tutto ciò è una traccia. Il matrimonio è anche sul tema fertilità e procreazione. Tutto l'assetto ha struttura culturale, è nato e cresciuto in un certo contesto. Le cose poi possono essere travisate, fraintese, strumentalizzate. Il senso di peccato come strumento di controllo, l'astinenza sessuale come elemento di frustrazione e squilibrio mentale, l'abuso di autorità, il credersi migliore di, unioni di coppia che non funzionano ma si sforzano per apparenza di continuare uniti creando nucli famiglaire ancora più frustrati, etc etc
Ma è un modo per indicare un certo percorso. Per me troppa rigidità dottrinale non sempre aiuta, non se non è accompagnata da saggezza ed amore vero.
Sono le persone che fanno un buon gruppo, ma la ricerca beh quella dipende da noi.

Nessun commento:

Posta un commento

Ho attivato la moderazioni dei commenti solo per evitare spam: appena letti li metterò online.