lunedì 17 giugno 2013

TUNNEL NELLA MENTE

Meditavo oggi su ciò che sento di chiamare tunnel della mente. Sono tutti quei buchi sotterranei che a volte ci scaviamo credendo di renderci certe cose più facili o forse perchè li troviamo come l'unica via di uscita da certe situazioni. Non tanto tunnel per un fuggire, ma più come creare strade diverse, alternative, ma a volte ci si perde in realtá lontane o comunque che ci portano ad uno sforzo tremendo emozionalmente parlando, per portarle avanti e la luce del sole per uscirne sembra sempre più lontana.
È quando ci complichiamo poi maggiormente le cose, costruendo un grado ulteriore di complessità agli eventi. Si cerca di sistemare le cose, pensando poi succede questo e si raddrizza la situazione in qualche modo, ma quel fatto non succede, e la situazione aggiunge stress allo stress...

Il cercare di vivere in semplicità senza complicare le cose è senza dubbio una buona direttiva, non sempre è facile, ma credo sia la strada più saggia.

Ho davvero compreso come alcool, droghe, sesso, cibo possano essere modi per cercare di alleviare un certo tipo di ansia e dolore interiore, così come la musica, il lavoro, lo sport ed altri milioni di tipi di attività, compreso il dover freneticamente riempire con qualcosa ogni momento della nostra vita.

Nessun commento:

Posta un commento

Ho attivato la moderazioni dei commenti solo per evitare spam: appena letti li metterò online.