sabato 1 dicembre 2012

LE DUE FELICITÀ


Esistono due tipi di felicità, una rapida, transitoria, di differente durata ed una stabile, ferma eterna. Ci sono poi la varie sfacettature come sempre.
La prima si basa sul piacere di qualcosa di nuovo, o si nutre del rinnovare una certa esperienza, ma più la mente associa la tal esperienza piacevole con un oggetto particolare, più il gioco si sposta sul oggetto, che può esserci o non esserci, od anche, se è una persona, decidere di stare con qualcun altro (solo un esempio). L'altra felicità si basa sulla felicità in se stessa, una felicità che esiste senza oggetti e se gli oggetti sono presenti non fá nessuna differenza. È il potere della unione, è il collante in sè stesso, ma è anche la coscienza in se stessa, pura, che non cerca nulla, solo è.

Più la mente si allena più si ottiene in questa direzione, e se la grazia divina arriva anche lo sforzo sparirá così come la nostra individualità perchè le cose devono andare in questa direzione, è la natura stessa del tutto.
Ed in questa pace risiedo e sono.

Nessun commento:

Posta un commento

Ho attivato la moderazioni dei commenti solo per evitare spam: appena letti li metterò online.