domenica 16 dicembre 2012

RACCONTO FOLLE, IL POLPO MAGICO


Sempre passeggio con il mio polpo magico, sempre mi sento legato a lui. Quando cammino, quando mangio, quando leggo, quando scrivo,... a volte mi dimentico di lui, ma poi mi appare...
Come potrei essere senza di lui? È lui che mi lega alla vita, alle azioni, a ciò che credo di essere,...
È invisibile, è bello, a volte spaventoso, con le sue ventose mi avvinghia,... Ma, ma non è reale, polpo magico, non esistiiii!!!!!!


Polpo magicio "tu mi hai inventato o mente e mi hai dato potere e considerato te stessa, è oltre te stessa che devi cercare la magia che già sei ed è"

Ed il polpo magico sparì (in realtà non è mai esistito se non il ricordo fuggevole del suo non essere). Ora arde nella cucina del nulla che è tutto.

Nessun commento:

Posta un commento

Ho attivato la moderazioni dei commenti solo per evitare spam: appena letti li metterò online.